Walkabout tra la via Ostiense e il web con Urban Experience

Un piccolo gruppo, in un tardo pomeriggio bruciante di sole – che essendo il 28 giugno, vigilia della festa dei santi patroni di Roma, Pietro e Paolo, per il quartiere Ostiense è come il sabato del villaggio in un giorno di fiera – si incammina dal (orrido, si può dire?) edificio dell’Argonauta sede di Roma Tre Radio (la radio dell’Università Roma Tre) lungo il tratto della via Ostiense che va dalla Centrale Montemartini al Parco Schuster, per approdare al Cowall, in via Libetta.

Poco prima Carlo Infante di Urban Experience, che ha messo a punto nel tempo il format di queste camminate/chiacchierate da ascoltare in cuffia e twittare sul web, e Antonio Venti di Cowall, sono stati ospiti di Maria Genovese, spumeggiante conduttrice del programma “Dickens” e hanno “lanciato” il walkabout, dando appuntamento nel piazzale alle 18.30.

Scopo della camminata è scoprire, entrando, incontrando e chiedendo, cosa si cela in questo tratto della consolare, al di là delle facciate e delle “emergenze” monumentali più note.

Così nel cortile del complesso Acea su cui affaccia la Centrale Montemartini c’è anche la sede dell’AAMOD, Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico, con il suo straordinario patrimonio di memoria storica per suoni e immagini, segnalato dalla piccola Ape Rossa parcheggiata davanti all’ingresso. E per telefono ci da il benvenuto il presidente della fondazione, Vincenzo De Vita.

C’è la sede della Fondazione Di Liegro, da cui spuntano docenti e allievi di un corso di fotografia che è anche un modo per integrarsi nella società. Ci sono, in attesa di essere scoperte dal pubblico, le vetture e carrozze dei treni che la Soprintendenza ha messo qui al riparo.

E poi il Centro sociale Alexis, in uno stabile occupato nel 2012 e dedicato ad Alexis Grigoropoulos, che aveva 15 anni quando venne ucciso durante le proteste del 2008 in Grecia. Sulla facciata si intrecciano le auto gialle disegnate da Blu, una catena da cui tutti vorremmo liberarci, si ma… Qui un’articolo che racconta questo straordinario (e coerente) artista.

Quasi impercettibili affiorano piccoli interventi degli street artist francesi Ella & Pitr, che hanno messo il loro tag sui citofoni anonimi di un bel po’ di condomini, si suona ma non risponde nessuno. L’appuntamento con loro comunque è il 2 luglio, quando si inaugura la terrazza “grassosa favolosa pelosa” dello spazio occupato dalle Cagne Sciolte, al civico 137 B, che Ella & Pitr hanno interamente affrescata. E per saperne di più qui c’è una bella intervista del 2015.

Sui muri di tanto in tanto il Movimento per l’Emancipazione della Poesia lascia tracce formato A4, versi senza rime ma assai suggestivi:

Spiegami cos’è successo, perché non l’ho capito.
Spiegami perché stavo meglio a Londra, con questo
sentimento.

Spiegami come fai

a non volerci

…e ti viene da pensare che parli dell’Italia, paese che respinge i suoi giovani, a Londra appunto.

Poi c’è la bottega del Signor Dante, Ricambi per Trattori da 4 generazioni, ultima sopravvissuta delle 5 botteghe che servivano gli agricoltori che ogni giorno arrivavano con le loro primizie ai Mercati Generali. Incredibile ma vero, un negozio con un via via continuo ancora oggi e un fantastico odore di ferro e grasso.

Presso la sede della Comunità cristiana di base di San Paolo, al civico 152B, incontriamo un gruppo che – piccoli e grossi volumi aperti sul tavolo, computer, fotocopie, evidenziatori – sta studiando la Costituzione, per votare con sapienza, oltre che coscienza, al prossimo referendum.

Dentro questi spazi si trova molto altro, a cominciare dalla memoria di Dom Franzoni, storico abate della Basilica di San Paolo, che per le sue posizioni (di sinistra, libertarie, laiche) in occasione dei referendum su divorzio e aborto, venne sospeso a divinis. E con lui se ne “uscirono” anche alcune delle persone che troviamo sedute intorno al tavolo, creando appunto la Comunità di base.

Adesso “è vacanza”, ma a settembre nei locali della Comunità, ex Oratorio aperto come presidio cattolico in un quartiere da sempre di sinistra, riprenderanno anche i corsi di italiano per richiedenti asilo e rifugiati di Asinitas, di cui si può avere un piccolo saggio nel cortometraggio “Sagome” di Dagmawi Yimer, montanto insieme ad Antonio Venti. Qualche anno dopo Yimer firmerà la regia del bellissimo “Come un uomo sulla terra” insieme a Daniele Segre.

Un altro film, “Bellissima” di Luchino Visconti, mostra com’era Il Biondo Tevere negli anni Cinquanta. Ma il ristorante non è poi cambiato molto, pur avendo aperto i battenti 102 anni fa.

A un tavolino sulla terrazza Elsa Morante ha scritto “La storia”, nell’angolo a destra della sala che affaccia sul fiume aveva il “suo” tavolo Alberto Moravia, ma è soprattutto nella sala in basso, quella vicina all’ingresso, che il cuore si stringe, quando ti indicano il tavolo e la sedia su cui si è seduto per la sua ultima cena Pier Paolo Pasolini. Le altre sedie le hanno cambiate, quella l’hanno tenuta, ché lui qui era di casa.

PS. Il cane Stella ha assai apprezzato la passeggiata…

 

Sesso e salute in tutti i sensi - 12 aprile 2016

Il 12 aprile, al Cowall si è parlato di sesso! E non solo parlato, ma anche toccato… annusato… guardato… ascoltato… assaggiato! Il tutto in compagnia delle Ambasciatrici Soft Paris, azienda n° 1 in Francia nella vendita diretta a domicilio di sextoys (e molto altro), e con Alida Mazzaro, naturopata, counselor, trainer e fitoterapeuta, nonché Ambasciatrice Soft Paris, autrice del libro Io e Lei. Manuale di manutenzione olistica per una va.Gina consapevole e del canale youtube Regine FeliciUna goduria… per tutti i sensi!! Altro che lavorare!

 

 

L'inaugurazione!

Grazie ad Alberto De Angelis per le fotografie che raccontano il varo del Cowall! E grazie a tutti e tutte coloro che hanno condiviso questo momento, con noi a via Libetta o da lontano!

 
 - DSC_3361-1-2

Serata di inaugurazione - 27 febbraio 2016, dalle 19

Cowall, il nuovo spazio di coworking tra Ostiense e Garbatella apre ufficialmente i battenti!!!

Vi aspettiamo per la serata di inaugurazione, che si terrà sabato 27 febbraio, dalle 19.00 in poi, in via Libetta 15c, per un aperitivo ricco di musica, video istallazioni, e storie dal territorio!

Nel corso della serata, avremo modo di presentare i nostri progetti passati, con una videonarrazione dei lavori di riqualificazione dello spazio, e futuri, in cui illustreremo le attività che ospiteremo da qui ai prossimi mesi.

Saranno con noi i nostri “vicini di casa”, ovvero le realtà di quartiere che porteranno le proprie testimonianze sulle iniziative artistiche, sociali e “gastronomiche” che arricchiscono il panorama culturale del nostro territorio. Perché via Libetta non è solo “movida” notturna..

Info: Emanuela 347.6516171
cowall.info@gmail.com